Università Cattolica del Sacro Cuore

Le tracce del cinese classico nella lingua cinese contemporanea

confucius-ClassicalCh_rdax_260x174.jpg

03 marzo 2017

L’Istituto Confucio dell’Università Cattolica, in collaborazione con la Facoltà di Scienze linguistiche e letteratura straniere, propone un corso di introduzione alla lingua cinese classica dal titolo “Le tracce del cinese classico nella lingua cinese contemporanea”. La prima parte del corso è indirizzata agli studenti di lingua cinese dell’Università Cattolica. La seconda parte del corso, è aperta a tutti.

La prima parte del corso prevede 5  incontri durante il mese di marzo nella sede di Milano e durante il mese di aprile nella sede di Brescia. L’obiettivo è di riconoscere e comprendere alcuni elementi del linguaggio commerciale e quello dei giornali contemporanei che affondano le proprie radici nel cinese classico; questi elementi verranno analizzati dal punto di vista grammaticale e semantico.

La seconda parte del corso prevede l’intervento del Prof. Rüdiger  Breuer, sinologo di fama internazionale, che terrà una lezione sulla poesia cinese. Il seminario offrirà un'introduzione alle caratteristiche essenziali della poesia cinese in diacronia, fino all’epoca di Mao Zedong. Si comincia con alcune letture dal Libro delle Odi (Shijing), la collezione più antica di testi letterari cinesi per passare attraverso la letteratura della dinastia Han, della dinastia Tang e Song. Durante le letture si presterà attenzione all'utilizzo di alcuni requisiti imprescindibili del cinese classico nei testi poetici.

Parte 1: Corso propedeutico di lingua cinese classica

  • UCSC Milano – L.go Gemelli 1, Aula G130 S. Maria
    • 12 ore accademiche (l’esame finale compreso)
    • Calendario: 
      • Venerdì 3 marzo 2017, 17:00-19:15
      • Venerdì 10 marzo 2017, 17:00-19:15
      • Venerdì 17 marzo 2017, 17:00-18:30
      • Venerdì 24 marzo 2017, 17:00-18:30
      • Venerdì 31 marzo 2017, 17:00-18:30
​Il corso propedeutico è in lingua italiana e tenuto da Dr. Victoria Bogushevskaya.

Parte 2: Seminario di approfondimento

Questo seminario è tenuto in lingua inglese e lingua cinese da Prof. Rüdiger Breuer presso la sede UCSC di Milano.

  • Durata: 2 ore accademiche
  • Calendario: giovedì 6 aprile 2017, 14:00-15:30
  • Sede: UCSC via Carducci 28/30 Milano - aula segnalata all'ingresso

Il programma dettagliato del corso e della lezione è disponibile qua.

​Obiettivo

L’obiettivo del corso è di analizzare alcuni concetti confuciani attraverso la lettura di testi classici, con lo scopo di capire il ruolo che la tradizione classica ha nella costruzione di una “società armoniosa” nella Cina contemporanea e come quest’ultima si relaziona con i Paesi circostanti.

Prerequisiti

Interesse allo studio del cinese classico. È preferibile un livello minimo di conoscenza della lingua cinese pari al livello HSK3 (appross.) oppure B1 (livello europeo).

Per ulteriori informazioni sul livello HSK3 consultare la pagina Test HSK.

Crediti formativi

La Facoltà di Scienze linguistiche e letterature straniere riconosce agli studenti di cinese un totale di 2 crediti formativi per la frequenza al corso di cinese classico e al seminario.

Per avere diritto ai crediti, è necessaria una presenza del 75% ed è necessario superare l’esame finale.

Risultati

Gli studenti alla fine del corso saranno in grado di comprendere alcuni testi cinesi classici, alcuni cliché del linguaggio commerciale e quello dei giornali contemporanei che affondano le loro radici nel cinese classico e fare analisi grammaticale e semantica degli stessi, alcuni dei concetti filosofici basilari che hanno portato a tramandare questi testi nel corso della storia, analizzandone la loro applicazione e spiegandone la loro moderna interpretazione.

Partecipazione

La partecipazione al corso e al ciclo di seminari è gratuita previa registrazione da effettuare online qua, a meno che non si abbia già confermato la partecipazione ai docenti di cinese della Facoltà.

Profili

Prof. Rüdiger Breuer

Rüdiger Breuer è preside della Facoltà di Studi sull'Asia presso la Ruhr-University di Bochum (Germania) , dove insegna Lingua e letteratura cinese . E’ inoltre curatore del Bochum Yearbook for East Asian Studies [Bochumer Jahrbuch zur Ostasienforschung]. I suoi ambiti di ricerca spaziano dalla narrativa vernacolare della Cina del periodo Song e Qing, ai generi letterari performativi e al rapporto tra letteratura orale e scritta.

Dr. Victoria Bogushevskaya

Si è laureata in Lingua e Cultura Cinese presso la Beijing Language and Culture University e ha ottenuto la seconda laurea con il titolo di “Orientalista-filologo” presso la Facoltà di Sinologia della Far Eastern State University di Vladivostok, Russia. Dottore di Ricerca in Scienze Filologiche – Linguistica Cinese presso l'Institute of Asian and African Studies della “M.V. Lomonosov” Moscow State University. Dal 2011 è docente di Linguistica Cinese presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Brescia. Ha pubblicato i numerosi articoli sulla semantica dei termini di colore, contributrice dell’Encyclopedia of Chinese Language and Linguistics (5 vol.) (Leiden: Brill, 2017) con le voci dedicate alle espressioni idiomatiche cinesi.